BENVENUTI

Benvenuti nel sito del Progetto Monte Athos.

CHE COSA E' IL PROGETTO MONTE ATHOS

E' un progetto nato in collaborazione con l'Università degli Studi della Tuscia di Viterbo ed il Monastero di Vatopedi del Monte Athos.

LE NOSTRE INIZIATIVE

All'interno delle pagine potrete consultare le inizative future ed i programmi di studio e di ricerca da attuare nei prossimi mesi.

PARTECIPA CON NOI

Puoi inviarci segnalazioni e suggerimenti utili per migliorare le attività da svolgere all'interno del Progetto.
IL PROGETTO MONTE ATHOS

IL PROGETTO MONTE ATHOS

Nel mese di luglio del 2005 ho intrapreso un viaggio di studio al Monte Athos, in Grecia, in compagnia del dr. Kukis Panagiotis, farmacista greco residente da molti anni a Siracusa, che frequentava, all’epoca, il 3° anno del Corso di perfezionamento in Fitoterapia e piante medicinali dell’Università della Tuscia di Viterbo, di cui sono direttore da oltre un decennio. PER ULTERIORI INFORMAZIONI SUL PROGETTO ...
LE PUBBLICAZIONI RELATIVE AL PROGETTO

LE PUBBLICAZIONI RELATIVE AL PROGETTO

In questa sezione potrai consultare tutte le pubblicazioni relative al Progetto Monte Athos redatte dalle principali riviste specializzate.
LE PRINCIPALI INIZIATIVE INTRAPRESE

LE PRINCIPALI INIZIATIVE INTRAPRESE

Qui potrai avere tutte le notizie relative alle iniziative intraprese e la programmazione degli interventi futuri.
Galleria Immagini Monte Athos

Galleria Immagini Monte Athos

Accedi in questa pagina per visualizzare le foto ufficiali del Progetto Monte Athos del fotografo Sergio Galeotti.
Benvenuti nel sito del Progetto Monte Athos. Il giovedì 4 dicembre 2008 è stata fatta la conferenza “PROGETTO ATHOS – Come rinnovare la tradizione dell’uso delle piante medicinali nel monastero di Vatopedi” nella Biblioteca Vallicelliana, a Roma. Il Progetto ATHOS è stato presentato dal Professore Roberto Miccinilli, direttore dei corsi di Fitoterapia e Piante Medicinali dell’Università della Tuscia, con la colaborazione dell' erborista e fitopreparatore Marco Sarandrea e del fotografo Sergio Galeotti.